NOSTRO

I vini per le Feste

Cosa bere durante le feste

Qualche consiglio per non sbagliare nemmeno un abbinamento

 

Brindisi della vigilia: se avete preparato delle tartine al salmone o un antipasto di pesce, vi consiglio un buon bianco, sapido e ricco in acidità per mantenere la bocca pulita senza appesantire troppo. Potreste abbinare un Collio Pinot Bianco di Terre del Faet, oppure il rosato Velca di Muscari Tomajoli.

Cenone della vigilia a base di pesce: il suggerimento è quello di abbinare uno spumante e perché no un ottimo champagne come il Grand Cru Mallol-Gantois, se volete rimanere in italia potreste optare per il Franciacorta brut di Mosnel. Lo spumante con la sua effervescenza, aiuta a pulire la bocca anche dalle pietanze più unte, come potrebbe essere un fritto misto.

Pranzo di Natale: lasagne, tortellini, cappone e altro. Abbinate il Valpolicella Classico Speri, le stesse uve dell’Amarone, senza però la parte dolce data dall’appassimento. Avrete nel bicchiere un vino rosso, ricco di profumi che accompagnerà egregiamente tutte le portate.

Fine pasto: ai dolci delle feste, pandoro e panettone, abbinate un Passito Siciliano Colosi, un Moscato d’Asti di Fabio Perrone o un Brachetto Braida. Mai e poi mai si dovrebbe optare per un brut. Se gli spumanti dolci non vi piacciono, optate per una grappa, un rum oppure un whisky (ma non torbato).